FlagMii, l'App gratuita per la tua sicurezza

2 commenti

FlagMii, l'App di sicurezza per la chiamata d'emergenza

AGGIORNAMENTO novembre 2014: dopo aver letto il seguente articolo, invito a visitare questa pagina perchè contiene importanti informazioni circa le applicazioni per la gestione delle emergenze.

Spesso ci troviamo a pedalare soli in ambiente urbano o fuoristrada nei boschi, nei campi o in montagna e sappiamo di poter contare solo su noi stessi in caso di emergenza.
Portare con noi il nostro smartphone è sempre un'ottima idea perchè, in caso di qualsiasi problema, possiamo chiamare in aiuto un famigliare, un amico o i soccorritori.

Durante i nostri lunghi giri in bicicletta, però, se dovessimo riferire ad una persona la nostra esatta posizione potremmo avere dei seri problemi: potremmo trovarci in un bosco senza riferimenti precisi; su una provinciale persa tra le campagne; su una strada di montagna che parte da "quel rifugio là e poi sale su...."
Possono essere veramente molte le situazioni in cui non saremmo in grado di guidare una persona fino alla nostra esatta posizione.

FlagMii è un'applicazione gratuita d'emergenza per smartphone (iphone, android, windows phone) che permette con un solo tocco di mettersi in contatto con il 118 o con il nuovo numero d'emergenza europeo 112. Oltre a contattare il numero d'emergenza, l'applicazione invia automaticamente le coordinate GPS del luogo di chiamata, consentendo una rapida localizzazione ai soccorritori.
FlagMii è inoltre configurabile a seconda del paese in cui ci si trova, ed imposta automaticamente il numero di emergenza relativo.

Utlizzando Android l'applicazione viene eseguita in modo automatico non appena viene composto il numero di emergenza.

FlagMii è un'applicazione gratuita utile anche ai ciclisti

Può essere davvero utile FlagMii?

A mio parere sì perchè è molto semplice trovarsi in situazioni sostanzialmente non preoccupanti che possono poi precipitare con esiti tragici.

Vi porto un esempio: recentemente un turista straniero è stato trovato morto in montagna.
Era partito di buon mattino da un rifugio montano per una breve escursione vestito con abbigliamento estivo per via della calda giornata. Durante il rientro ha sbagliato sentiero e si è smarrito, trovandosi in zone molto esposte.
Non riuscendo più a ritrovare la via e con la giornata che stava per terminare, l'uomo ha allertato il soccorso alpino con il suo telefono.
L'apparato di emergenza si è immediatamente messo in moto e l'uomo è stato costantemente in contatto telefonico con i soccorsi. Purtroppo non è stato in grado di fornire nessuna indicazione utile circa la propria posizione.
I soccorritori hanno battuto la zona a tentativi fino a quando l'hanno trovato, in piena notte, in ipotermia avanzata e privo di sensi. Il turista è purtroppo morto durante le fasi di rianimazione.

Senza spostarci in alta montagna, vi possono essere altre situazioni potenzialmente pericolose, vi racconto l'episodio accorso ad un amico:
decide di uscire con la propria mountain bike per un giro nei boschi sopra Como, a due passi dalla civiltà e in luoghi molto frequentati. Una volta arrivato in zona boschiva, abbandona i sentieri segnalati per avventurarsi nei numerosi single tracks che percorrono quelle zone in lungo e in largo. Durante un passaggio tecnico di fianco ad una piccola scarpata, sbaglia e cade in malo modo sul fondo della scarpata picchiando la schiena.
Dopo un attimo di dolore e smarrimento tenta di rialzarsi ma sviene. Rimane a terra quasi un'ora e appena riprende i sensi cerca di rimettersi in piedi ma deve lottare costantemente con le vertigini da svenimento che lo attanagliano. Ci mette due ore per riuscire ad uscire dalla scarpata senza svenire e altre tre ore, ormai notte,  per tornare a casa a piedi trascinando la bici e fermandosi ogni 2 metri percorsi.

Gli è andata bene, ma se anche avesse voluto chiamare qualcuno in aiuto come avrebbe potuto indicare dove si trovava?

Vi possono essere anche situazioni in cui ci troviamo sotto shock o feriti e non riusciamo a fornire indicazioni sulla nostra posizione a causa della nostra confusione mentale e della bassa lucidità, oppure casi in cui potremmo fornire indicazioni errate perchè non siamo pratici di una determinata zona.

Con FlagMii premi un tasto e attivi i soccorsi inviando automaticamente la tua posizione

In questi casi un'applicazione come FlagMii può diventare essenziale e salvare addirittura la vita!

FlagMii è un software professionale realizzato e gestito da esperti nel trattamento informatizzato delle emergenze. L'applicazione è gratuita e portarla sempre con noi può rappresentare una sicurezza in più.



Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
Sei libero di condividere e ri-pubblicare l'articolo a patto di non modificare nessuna parte dello scritto e di indicare sempre la fonte inserendo un link attivo al sito "www.90rpm.blogspot.it".
Tuttavia procediamo spesso alla modifica e all'aggiornamento degli articoli già pubblicati, quindi ti suggeriamo di non fare copia/incolla dei testi, ma di segnalare l'articolo tramite il suo link diretto.

Hai trovato l'articolo interessante?

Condividilo se ti è piaciuto!

Stampa l'articolo, crea un PDF oppura invia una email

2 commenti:

  1. ma è fantastico, su per l'appennino tra Campania e Puglia mi sarebbe servito proprio!. lo Voglio ma qualcuno mi aiuterà? magari in un incontro pubbllico aperto ad altri imbranati come me.

    RispondiElimina
  2. complimenti questo è un'ottima info.
    grazie
    sonia'

    RispondiElimina


TOP