Ottava giornata nazionale delle "Ferrovie Dimenticate" 8-3-2015


Ottava giornata nazionale delle "Ferrovie Dimenticate" domenica 8 marzo 2015

Logo della "Giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate"

FIAB Ciclocittà Varese, in concomitanza con la "Giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate", organizza una ricognizione sui possibili tracciati della Ciclovia della Valmorea, tra Lozza e Mulini di Gurone, sul corridoio dell’ex-ferrovia.

FIAB Ciclocittà Varese è l'associazione che promuove questo evento


Questo il comunicato ufficiale:
Ferrovie dimenticate... e ferrovie recuperate: la pista ciclabile della Valmorea
A piedi e in bicicletta una ricognizione dei possibili tracciati della ciclovia della Valmorea, tra Lozza e Mulini di Gurone, sul corridoio dell’ex-ferrovia.

Partenza in bici ore 9,30 dalla sede FIAB Ciclocittà di via Rainoldi 14, a Varese;
oppure a piedi alle ore 10,00 davanti al municipio di Lozza.

Ritrovo successivo alle ore 11,30 presso il "Casello 10" della ferrovia della Valmorea ai Mulini di Gurone e, a seguire, aperitivo-buffet con Legambiente.

Note:
- a richiesta potrà essere disponibile un'automobile per tornare a mezzogiorno dal casello al municipio di Lozza
- la camminata/pedalata potrà subire variazioni in base alle condizioni di transitabilità del percorso.


Approfondimenti:


Cos'è la giornata nazionale delle "Ferrovie Dimenticate"?

E' un evento nazionale che si tiene con cadenza annuale dedicato alla scoperta degli antichi tracciati ferroviari o dei percorsi ferroviari recentemente dismessi.
Tutte le associazioni legate all'iniziativa "Ferrovie Dimenticate" propongono percorsi locali con lo scopo di sensibilizzare la politica e le amministrazioni al fine di recuperare le ferrovie dismesse e trasformarle in strade ciclabili e pedonabili.

Chi organizza la giornata nazionale delle "Ferrovie Dimenticate"?

L'evento annuale è organizzato dalla "Confederazione Mobilità Dolce" (Co.Mo.Do.), nata a Milano nel 2006 come piattaforma per creare una Rete nell’ambito della mobilità dolce e sostenibile fra le più importanti Associazioni nazionali. Ne fanno parte anche associazioni regionali che operano nel settore del turismo ecompatibile, del trasporto pubblico locale, del cicloturismo, del trekking su vie storiche e vie verdi, del turismo ferroviario, dell’ippoturismo, comitati locali che difendono la dismissione delle linee ferroviarie regionali.
Logo dell'associazione Co.Mo.Do, "Confedereazione Mobilità Dolce"

Obiettivi di Co.Mo.Do. sono la promozione, attraverso forme e modi da definire, di una rete nazionale di mobilità dolce che abbia come requisiti fondamentali:
  • il recupero delle infrastrutture territoriali dismesse (ferrovie, strade arginali, percorsi storici ecc.)
  • la compatibilità e l’integrazione fra diversi utenti
  • la separazione dalla rete stradale ordinaria, o in certi casi la protezione della mobilità dolce sulle strade promiscue con i mezzi motorizzati a bassa intensità di traffico
  • l’integrazione con il sistema dei trasporti pubblici locali e con la rete dell’ospitalità diffusa

Riferimenti

Il sito ufficiale dell'evento è www.ferroviedimenticate.it



Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
Sei libero di condividere e ri-pubblicare l'articolo a patto di non modificare nessuna parte dello scritto e di indicare sempre la fonte inserendo un link attivo al sito "www.90rpm.blogspot.it".
Tuttavia procediamo spesso alla modifica e all'aggiornamento degli articoli già pubblicati, quindi ti suggeriamo di non fare copia/incolla dei testi, ma di segnalare l'articolo tramite il suo link diretto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pulire e sterilizzare la borraccia da ciclismo

Pedalare flat e pedalare clipless, analisi e confronto

Filmati per allenamento ciclismo indoor

La maggior parte dei guidatori non vede pedoni o ciclisti prima di svoltare a destra

Tre proposte di colazione per ciclisti

Multe salate e sequestri per le biciclette elettriche non a norma

Casco con tecnologia MIPS supera WaveCel nel recente test di Virginia Tech

Ciclisti: come difendersi dagli attacchi dei cani

I caschi da ciclismo non sono da sostituire per vecchiaia

Il Piccolo Stelvio