Around in the fog

Around in the fog


Dicembre dopo il lavoro: temperatura vicina allo zero, nebbia, ma nessuna voglia di smettere di pedalare!
La bicicletta cosparsa di microscopiche goccioline, gli occhiali protettivi più nebbiosi della vera nebbia, i muscoli che faticano a scaldarsi, il viso paralizzato dall'aria gelida, le mani senza sensibilità nonostante i guanti termici, le gomme che scivolano in curva, i faretti che fendono il buio.....

I pochi ciclisti che incontro appartengono alla categoria della "necessità" e non della "scelta". Io invece, come nella migliore tradizione delle mie idee campate in pieno inverno, abbraccio entrambe le filosofie e quindi sempre in sella verso orizzonti di downshifting ancora più radicali!





Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
L'intero testo, o parti di questo, non possono essere copiati o ripubblicati senza il permesso scritto dell'autore.
Il sito non ha nessuno scopo di lucro, quindi rispettate il lavoro e l'impegno altrui.

Commenti

  1. Bellissimo pensiero, riesci a trasmettere lo stato d'animo dell'essere nella foschia in solitudine.

    RispondiElimina
  2. veeg di la verità: sei uscito un attimo dalla porta di casa per scattare la foto... ah, ah,ah.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pulire e sterilizzare la borraccia da ciclismo

Pedalare flat e pedalare clipless, analisi e confronto

Filmati per allenamento ciclismo indoor

La maggior parte dei guidatori non vede pedoni o ciclisti prima di svoltare a destra

Tre proposte di colazione per ciclisti

Multe salate e sequestri per le biciclette elettriche non a norma

Casco con tecnologia MIPS supera WaveCel nel recente test di Virginia Tech

Ciclisti: come difendersi dagli attacchi dei cani

I caschi da ciclismo non sono da sostituire per vecchiaia

Il Piccolo Stelvio