Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

Stress e sollecitazioni nel telaio della bicicletta – Parte 2 di 4

Immagine
Stress e sollecitazioni nel telaio della bicicletta – Parte 2 di 4 Analisi delle geometrie dei telai da bicicletta, dei materiali di cui sono fatti e dei metodi costruttivi
Il nostro viaggio alla scoperta dei fenomeni di stress e delle sollecitazioni nei telai da bici prosegue.
Nella prima parte avevamo trattato il tema spiegando cosa sono e come agiscono gli stati di tensione altrimenti noti come "stress" (cliccate sul link per visualizzare l'articolo).
Oggi proseguiamo con la seconda parte parlando delle "geometrie del telaio", dei materiali e dei metodi costruttivi impiegati nei telai da bicicletta. 

Geometrie del telaio, materiali e metodi costruttivi Occupiamoci prima di tutto della geometria degli elementi componenti un telaio che, fondamentalmente, sono travi (o aste) connesse tra loro tramite saldature.
Abbiamo visto che essi sono percorsi da stati tensionali. Ma è possibile, se a un primo calcolo gli stress fossero superiori a quelli ammissibili, ridu…

"Piccolo trattato di ciclosofia" un libro di Didier Tronchet

Immagine
"Piccolo trattato di ciclosofia - Il mondo visto dal sellino" un libro di Didier Tronchet
Titolo: "Piccolo trattato di ciclosofia"
Autore: Didier Tronchet
Editore: Il Saggiatore (2009)
Collana: Saggi Tascabili

"Il ciclista non fa code, non ha problemi di parcheggio. Procede spavaldo, impettito e il suo agile veicolo gli trasmette una tranquilla solennità. Beffardamente sorpassa l'automobilista imbottigliato nel traffico. Nell'illustrare i vantaggi della bici, Trochet non si limita a considerazioni di natura logistica. Bicicletta diventa sinonimo di benessere fisico e spirituale, libertà di movimento e di pensiero. Il ciclista può convivere in armonia con il pedone, se questo non è distratto quando attraversa, ma si oppone irrimediabilmente all'automobilista, allo strombazzamento dei clacson e all'inquinamento dei motori. Con questo libro l'autore intende spiegare il senso della ciclosofia attraverso resoconti di esperienze personali."

Stress e sollecitazioni nel telaio della bicicletta – Parte 1 di 4

Immagine
Stress e sollecitazioni nel telaio della bicicletta – Parte 1 di 4 Telaio bici: cosa sono e come agiscono gli stati di tensione altrimenti noti come "stress"
Un ringraziamento doveroso:
Questo non è un articolo, ma un vero e proprio trattato condensato sul fenomeno delle sollecitazioni e sulle tecniche di costruzione dei telai da bicicletta. Ci tengo a precisare che questa serie composta da 4 distinti articoli nasce grazie alla competenza dell'amico Gianni. Quindi il grande merito va indubbiamente a lui! Introduzione Tempo fa, per mia cultura, ho provato ad addentrarmi nella tecnica del "telaio di una bicicletta" e mi sono subito accorto di quanto sia difficile come soggetto.

Nella bici le forze agenti variano di pedalata in pedalata, basti pensare semplicemente al fatto di andare in salita o in discesa oppure semplicemente a come e dove s’impugna il manubrio o si sta seduti in sella.
Senza l’aiuto di moderni sistemi di calcolo è quasi impossibile arrivare a ca…

Il miglior sito di ciclismo e bicicletta

Immagine
90RPM è il migliore sito che parla di ciclismo, biciclette e argomenti relativi Anche per il 2016 il blog 90RPM si conferma come la piattaforma web più performante del panorama italiano
Va bene, lo ammetto: ci sono siti web che per contenuti (di numero e di qualità) oscurano la visibilità di questo umile spazio a due ruote.  Ma questo è ovvio, non c'è nemmeno da discutere e non è nemmeno mia intenzione paragonare il mio blog a pagine ben più autorevoli.

Il motivo autocelebrativo di questo post riguarda un altro argomento, un settore in cui "90RPM" primeggia al punto da renderlo attualmente una delle più performanti piattaforme web di contenuti inerenti alla bicicletta: il codice stesso del sito!

Certamente!
Dopo alcune ulteriori modifiche al cuore del blog, cioè al suo codice sorgente, 90RPM ottiene nuovamente la conferma degli obiettivi raggiunti: valutazione A-A da GTmetrix e bollini verdi a profusione da Pagespeed Insights di Google!





Il posizionamento raggiunto non p…

Salirai in vetta e diventerai aria

Immagine
Salirai in vetta e diventerai aria Una storia di montagna, bicicletta, piccoli uomini e grandi sfideA chi mi chiede: "Perché vai in montagna?"
Rispondo: "Se me lo chiedi non lo saprai mai"
(Ed Viestrus)

Non esiste una versione a due ruote di questo aforisma molto noto tra i montanari, ma è facile adattarlo sostituendo "montagna" con "bicicletta".
Tuttavia il senso non verrebbe abbracciato in pieno.

Il mio aforisma dovrebbe quindi suonare leggermente diverso:
A chi mi chiede: "Perché scali la montagna con la tua bicicletta?"
Rispondo: "Se me lo chiedi non lo saprai mai"
Da qui inizia la mia storia:

Il Piccolo Uomo ha passato mesi, anni a sognare la Grande Montagna: ha letto ogni racconto ambientato tra quei crepacci e quei picchi; ha imparato a memoria ogni masso ed ogni appiglio; ha consumato la mappa a furia di osservarla; ha annotato ferrate e sassaie; ha passato notti a preparare uno zaino carico più di sogni che di oggetti.

Il paradosso della gabbia ciclabile

Immagine
Il paradosso della gabbia ciclabile Quando la pista ciclabile è ostruita, la legge del buonsenso si scontra con il codice della strada
Parliamo di mobilità urbana e in questo caso il quesito pone uno scenario realistico nel quale ognuno di noi potrebbe ritrovarsi:
"Sto pedalando su una ciclabile e la trovo ostruita da una macchina parcheggiata. Per proseguire devo aggirare l'auto abbandonando momentaneamente la sede ciclabile. Se durante questa manovra venissi coinvolto in un incidente posso rivalermi sul proprietario della macchina parcheggiata sulla ciclabile?" Secondo l'avvocato Simone Morgana, interpellato da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), per rispondere dobbiamo considerare due differenti tipologie di piste ciclabili: quelle in sede protetta e quelle promiscue.
Nel primo caso si tratta di percorsi ciclabili separati dalla carreggiata per il traffico motorizzato attraverso un elemento fisico come cordoli o paletti.
Nel secondo, la corsia cic…

Randonnée della merla 2016

Immagine
Randonnée della merla 2016 Report della "rando merla 2016"
Lo ammetto: aspettavo la Merla da un anno perché mi doveva una rivincita morale!
Nell'edizione 2015 c'era stato un vento terribile, sul falsopiano pedalavo quasi con il rampichino e poi gli strappi della zona di Morazzone mi avevano definitivamente messo KO un ginocchio.
Ho atteso con ansia un anno intero per prendermi la mia rivincita su questa splendida "classica": uno degli appuntamenti irrinunciabili di inizio stagione!

Nemmeno a farlo apposta il giorno prima della corsa si è messo a piovere.
Pazienza, io e l'amico Luca ci iscriviamo ugualmente, male che vada il contributo andrà in beneficenza e pedaleremo sul tracciato fuori gara in un altro giorno.

Domenica 31 gennaio mi sveglio presto.
Uno sguardo istantaneo ad un paio di siti web e prendo atto che... si può fare!
Un messaggio rapido al socio di pedale e via in macchina direzione "randonnée della merla"!

Arrivo a Nerviano intor…