Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2019

Ruote da ciclismo gonfiate con gas: elio o idrogeno?

Immagine
Hai mai pensato di gonfiare le tue camere d'aria con i gas più leggeri conosciuti, cioè elio e idrogeno? In teoria si potrebbe fare. Vediamo se può portare a qualche vantaggio.
Fissiamo delle variabili ipotetiche e semplificate:
ruote con copertoncini stradali da 700x25;pressione atmosferica a valore 1 (come se fossimo al mare);temperatura prossima al punto di congelamento. Con questi parametri, gonfiamo le ruote con aria a 6,9 bar (100 psi) e avremo un peso dell'aria compressa in ciascuna ruota di 8,56 g, per un totale di (arrotondato) 17 g.

Ora gonfiamo con elio: grazie alle proprietà di questo gas, il peso per ruota risulterebbe 1,18 g. In totale 2,36 g per una riduzione di quasi 15 g rispetto all'aria.

Passiamo adesso a gonfiare con idrogeno: il peso per ruota risulterebbe 0,59 g. In totale 1,18 g per una riduzione di quasi 16 g rispetto all'aria.

In modo teorico possiamo affermare che il peso risparmiato sul cerchione, sia che si tratti di un gas più leggero o di …

Pedalare di notte: un filmato per mostrare come gli automobilisti percepiscono un ciclista al buio

Immagine
Come viene visto, dall'interno di una macchina, un ciclista che pedala di notte utilizzando luci e abbigliamento riflettente.
Veloplus, una società svizzera che tratta biciclette e materiale da ciclismo, ha realizzato un breve filmato che mostra cosa vedono gli automobilisti quando, nella notte, incontrano un ciclista dotato di differenti sistemi di visibilità.

Il filmato educativo è diviso in 2 parti: la prima mostra una macchina che procede a 50 Km/h e incontra un ciclista, prima procedendo nella stessa direzione, poi in senso opposto.
Nella seconda vediamo la macchina ferma ad un incrocio che viene attraversato da un ciclista.

I ciclisti del filmato sono presentati con 3 dotazioni: luci, materiale catarifrangente (riflettente) e abbigliamento chiaro.
La combinazione o l'assenza di uno o più di queste dotazioni, renderà il ciclista più o meno visibile.

Sembrerebbe un filmato scontato, invece trovo sia molto utile continuare a diffondere queste informazioni perché sono ancor…

Ecco le dichiarazioni di Koroyd su WaveCel di Trek/Bontrager

Immagine
Koroyd entra nel dibattito sulla tecnologia per caschi WaveCel con dichiarazioni molto forti!
Dopo il debutto della tecnologia Wavecel di Trek/Bontrager, avevo scritto un articolo (disponibile qui) che spiegava qualche retroscena inedito, inclusa la risposta scettica di Mips.

Nella discussione sull'innovazione e sull'efficacia di Wavecel, è subentrata anche Koroyd con un articolo pubblicato sul proprio sito intitolato, senza giri di parole: "CARRIED AWAY BY A WAVE OF HYPE?"

Sostanzialmente Koroyd dice che le affermazioni entusiastiche sulla riduzione delle forze rotazionali sembrano voler chiudere, senza nessuna ragione plausibile, il dibattito sulla protezione lineare/rotazionale che è in corso da 20 anni.
Inoltre una stoccata è arrivata in merito al riconoscimento visivo del prodotto: Bontrager utilizza, infatti, WaveCel nello stesso identico colore verde traslucido con il quale viene identificato il materiale Koroyd, riconosciuto in tutto il mondo.

Koroyd afferma…

Come pedalare in gruppo su strada favorendo il flusso veicolare

Immagine
In fase di sorpasso, i ciclisti sono più sicuri in fila o affiancati? La risposta non è così scontata e le variabili sono diverse. La sicurezza dei ciclisti su strada dipende da molti fattori, ma su tutti è importante che le condizioni di soprasso vengano agevolate. E' quindi importante conoscere le dinamiche del flusso veicolare, valutare le condizioni di marcia e attuare le opportune strategie. Sono un ciclista e sono anche un automobilista, conosco quindi le differenze e le difficoltà di entrambe le parti quando ci si trova a viaggiare sulla stessa strada, soprattutto in condizioni di alto traffico.
Sul web gira da diverso tempo la seguente immagine (fig. 1), che viene spesso utilizzata dai ciclisti per rivendicare la sicurezza del viaggiare in gruppo affiancati:


Io ho sempre valutato in negativo questa rappresentazione perché è del tutto limitata e semplicistica. Vi spiego perché:

La condizione "A" di fig. 1, presenta un gruppo di ciclisti in fila indiana posti sul …

Documentario Raleigh del 1945: "How a Bicycle is Made"

Immagine
Scopriamo come ideavano e costruivano le biciclette Raleigh in questo splendido documentario del 1945.
La British Council è l'organizzazione per le relazioni culturali del Regno Unito ed ha ideato un progetto chiamato "British Council Film Collection": un archivio di oltre 120 cortometraggi e documentari realizzati dal British Council negli anni '40, girati per mostrare al mondo come la Gran Bretagna viveva e lavorava.
Preservati dalla BFI National Film Archive e digitalizzati per mezzo di una donazione da parte di Google, i film sono ora pubblici e facilmente visionabili.

Questo documentario mostra la progettazione e la produzione delle biciclette Raleigh nel 1945: ogni pezzo della bici veniva ideato e realizzato nella fabbrica a partire dalle materie prime, fino all'assemblaggio finale.
Datato, ma interessante e, sotto molti aspetti produttivi, ancora attuale!
Molti telai Raleigh dell'epoca sono tuttora utilizzati o restaurati e non dimostrano minimamente …

"Pedalare bene" un libro di Zeno Zani

Immagine
Recensione del libro "Pedalare bene - Il posizionamento in bicicletta, la scelta del telaio e dei componenti, il gesto e l'uso sequenziale del cambio rapporti" di Zeno Zani.
Titolo: Pedalare bene
Autore: Zeno Zani
Editore: Ediciclo Editore

Prefazione:
"Pedalare bene... per ottenere prestazioni soddisfacenti senza accusare disturbi nemmeno dopo lunghi percorsi a tutte le età... Modificando la parte motrice della bicicletta e la dinamica della pedalata si migliorano le prestazioni o si riduce la fatica muscolare. Componentistica, postura e telaistica devono incrementare questi miglioramenti e garantire nel tempo comfort, guidabilità, accelerazione e tenuta in scia. Questo manuale, frutto dell'esperienza del dott. Zani nella cura dei disturbi posturali con metodi ergonomici, fornisce nuove soluzioni tecniche e tattiche ai quesiti comuni fra gli appassionati e gli operatori del settore."
L'opinione di 90RPM Il libro che oggi presento, è scritto da un profe…